Photo by Neal E. Johnson on Unsplash

Cambiare sempre e accettare il divenire, senza paure

Avere trent’anni e dover accettare i cambiamenti non è semplice.
Gli anni passati a cercare, a costruire certezze in tutti gli aspetti della vita, a costruire il futuro.
E invece poi?! Ti ritrovi a dover ricominciare tutto da capo.
Credevi di avere delle consapevolezze: lavorative, sentimentali, affettive e da lì poter solo continuare a costruire.
Ma la vita non va mai come si vorrebbe.
Photo by Jesse Bowser on Unsplash

Photo by Jesse Bowser on Unsplash

I progetti non sono sempre perseguibili, soprattutto quando le forze in gioco non sono solo le tue. Ho passato tanti anni dietro una relazione nata ad un’età troppo prematura e finita (forse perchè doveva andare così) proprio quando pensavo di aver buttato le basi solide per il futuro…e SBADABAMM!!!
Si ricomincia a fatica perché fidarti degli altri diventa sempre più complicato dopo che hai tolto il velo dell’innocenza adolescenziale davanti agli occhi, quando si crede che il “ci sarò per sempre” è un’utopia.
Va beh, ci sono gli amici di una vita, quelli sì che restano… nahhh!!

Photo by Helena Lopes on Unsplash

Photo by Helena Lopes on Unsplash

Anche là tutto è relativo, tutto è molto mutevole perchè accettare i cambiamenti intorno a te significa cambiare e modificare anche alcune modalità di approccio verso l’altro e delle volte volersi bene non basta: arrivi alla consapevolezza che nelle relazioni di qualsiasi genere si deve “crescere” insieme altrimenti le aspettative annienteranno il rapporto. E allora accetti i silenzi, le risposte mancate e la lontananza che aumenta, chiedendoti sempre se forse quella ad aver sbagliato sei stata tu nonostante ci avessi provato più e più volte.
Beh dai… almeno ti sei affermata lavorativamente, dopo tanti sacrifici, tutti gli studi per poter essere “diversa” e più qualificata degli altri. No neanche là è andata come avrei voluto.

Photo by Annie Spratt on Unsplash

Photo by Annie Spratt on Unsplash

Allora cosa resta?
Resto io… con le mie incertezze, con i miei sbalzi d’umore, con quei quattro spiccioli in tasca, con le mie mani pronte ad afferrare, con le mie rughe che si fanno vedere sul mio volto, con le mie mille paure, con le mie ansie, con la mia mente che sente il peso del giudizio (“Quando ti sposi? É già un pò tardi”, “Ah non lavori?!” – sguardo di disprezzo, “ma con XXX non vi vedete più?!”), ma  con l’unica certezza che nonostante stiano cambiando tante cose, io resto sempre me stessa, e che sarò l’unica che mi farà sempre compagnia, ovunque io vada.

Photo by Alex Suprun on Unsplash

Photo by Alex Suprun on Unsplash

Perchè un giorno arriva… arriva chi ti guarda con occhi diversi, chi non si sofferma alla tua acidità, alla tua muraglia di insicurezze, al tuo “oggi sì ma domani non so se ne ho voglia“, chi ti prende la mano, la stringe e ti dice che camminerete insieme e allora tutto ha più senso.
Perchè un giorno capisci che intorno a te ci sono persone che ti stanno vicino in maniera forse diversa rispetto a quello che vorresti, ma che sono là pronte ad ascoltarti e a prendere quello che tu offri.
Perchè un giorno capisci che avere trent’anni oggi significa per forza accettare i cambiamenti, accettare il divenire senza paura, RE- INVENTARSI rispetto a tutto quello che si è stati, ma ripartendo da sè stessi per RI- COSTRUIRE.
B.
itrentenni@gmail.com

 

itrentenni

itrentenni

Questo spazio è dedicato alle vostre storie.
Riflessioni, propositi, affanni, sogni, ricordi, speranze, cicatrici, obiettivi, preoccupazioni, desideri. Parole sparse, pensieri e riflessioni. Voglia di raccontarsi o semplicemente di sentirsi come a casa.
Scriveteci a itrentenni@gmail.com
itrentenni

Latest posts by itrentenni (see all)