Photo by Mike Enerio on Unsplash

E se non fosse andata così?

La domanda nell’oggetto è quella che mi tormenta da 3 anni a questa parte.
Mi presento, sono M.,ho 31 anni, un marito, un figlio di quasi 4, una casa, un mutuo, una macchina e un esaurimento nervoso che sta per mangiarmi viva.
Quando ho finito le superiori, ero la classica figlia su cui si ripongono le speranze. Educata, brava a scuola, pronta a buttarsi a capofitto nel magico mondo dell’Università.
Ho concluso gli studi quasi in tempo, una triennale cagata che non mi è servita a nulla.

Photo by Bonnie Kittle on Unsplash

Photo by Bonnie Kittle on Unsplash

Per tre anni ho svolto un lavoro che odiavo, che non c’entrava una mazza con il mio percorso di studi ma, era il 2009, “c’è crisi” veniva ripetuto forse più volte del classico: “non ci sono più le mezze stagioni” e quindi, zitta e mosca.
Compro casa con la dolce metà, facciamo il mutuo e tutto fila liscio fino alla cadenza del contratto che, botta di culo, è coincisa proprio con la scoperta della gravidanza.

Photo by Alessio Lin on Unsplash

Photo by Alessio Lin on Unsplash

Fatte queste premesse, noiose e doverose, mi ritrovo adesso dopo 4 anni ad aver fatto lavori sottopagati, in nero, che mi spremono la testa e le meningi ma non mi soddisfano, né personalmente né economicamente.
Mi ritrovo qui a 31 anni a pensare:
“Ma cosa hai combinato nella vita? Perchè non ti sei dedicata a te, a provare a costruirti un futuro decente, perchè?”
… eppure non mi ritengo stupida, solo ingenua.
Sono stata ingenua a pensare che se non avessi fatto figli entro i 30 anni sarebbe stata una disgrazia.

Photo by Luke Porter on Unsplash

Photo by Luke Porter on Unsplash

Ingenua nel pensare che avrei facilmente ritrovato lavoro (ignoravo che mi avrebbero chiesto lo stato delle mie ovaie, la frequenza di rapporti non protetti e la velocità cronometrata degli spermatozoii di mio marito,prima del titolo di studio), ingenua a credere che il tempo sarebbe stato clemente e non sarebbe passato tanto veloce.
Mi ritrovo qui, con mille sogni, tra cui quello di lasciare l’Italia, la voglia di un secondo figlio e la consapevolezza di non aver combinato nulla nella vita che mi schiaccia come un macigno.
Vorrei aver scritto un messaggio di speranza, ma in questo momento la mia deve essere rimasta in ferie.

Anonimo
itrentenni@gmail.com

itrentenni

itrentenni

Questo spazio è dedicato alle vostre storie.
Riflessioni, propositi, affanni, sogni, ricordi, speranze, cicatrici, obiettivi, preoccupazioni, desideri. Parole sparse, pensieri e riflessioni. Voglia di raccontarsi o semplicemente di sentirsi come a casa.
Scriveteci a itrentenni@gmail.com
itrentenni

Latest posts by itrentenni (see all)