numero-30

Generazione 3.0

“30 anni sono l’età più bella, perchè sei ancora giovane ma hai la consapevolezza di un adulto”.
Quante volte ho sentita questa frase, che non so se mi veniva detta in reazione alla mia espressione disperata o se perchè realmente pensata! Da quando ho compiuto 27 anni ho iniziato a convincermi che “ormai avevo 30 anni”; ho talmente rincoglionito il mio ego e la gente intorno a me per 3 anni consecutivi, che oggi (14 settembre) in cui faccio realmente 30 anni, potrei benissimo saltare a piedi pari e senza passare dal via direttamente ai 33!
Vi dico solo che l’anno scorso, al compimento dei 29 è cominciato un countdown mensile che neanche a capodanno i Village People con WMCA!!
Larry-Craig-in-the-Village-People-31570Ogni 14 del mese era come se cascava un petalo della rosa de “La Bella e la Bestia”, e mese dopo mese sentivo crescere l’incoscenza dentro me.. altro che la consapevolezza! Sono arrivata addirittura a festeggiare l’ultimo mese e wee end nei 29, quasi a volermi attaccare a quella stupida ed inesistente utopia di poter restare per sempre “negli enti che non c’è” di Peter Pan!
Un’altra delle frasi top che mi è stata detta è “…l’età è solo un numero” … cazzate… diteglielo a mia nonna Ilde che ha 88 anni e non riesce quasi più a muoversi se l’età è solo un numero… e poi sinceramente io ai numeri ho sempre preferito le parole!
1TRENT’anni dunque! …traguardo che ho amato e odiato a fasi alterne, parallelamente, contemporaneamente, a tratti anche perpendicolarmente: da una parte la paura di abbandonare un decennio-comfort in cui ancora tutto è possibile, e giustificabile, dall’altra la curiosità di entrare in un’era nuova, di afferrare il potere e il fascino dell’ufficialità di donna a tutti gli effetti.. senza subire nonnismi iniziali!

Inutile che voi “over 30″ cerchiate di sminuire il nostro stato confusionale/emozionale; fate “i grandi” (in tutti i sensi) solo perchè ormai lo avete superato; anzi dovreste saperlo bene che 30 anni sono un momento serio, la realizzazione che non siamo poi così immortali come invece avevamo creduto a 20, sono il primo giorno di scuola della vita adulta in cui inizi a fare il resoconto della tua vita!
Primo giorno di scuolaAmore, Lavoro, Amici, Famiglia, Piaceri, Vizi,.. e allora cominci col mettere le spunte, e a progettare il business plan del “come vorrei vedermi tra 10 anni”.
Come vorrei vedermi tra 10 anni non lo so ancora, ma come donna (adesso posso dirlo no?) so che vorrei vivere questi 10 anni come vengono, con l’impegno certo, con la passione ovviamente, con la primavera negli occhi, e con un briciolo di tristezza e malinconia che per quel che mi riguarda non guastano mai.. vorrei vivere questi 30 anni senza tante rotture di balle sociali che ti vogliono moglie, madre, donna in carriera.. vorrei vivere nel desiderio di poter continuare a essere libera di scegliere, di fare, ma soprattutto di ESSERE… vorrei condividerli con le persone che mi vogliono bene, ma che mi vogliono bene davvero… vorrei trascorrerli al caldo, al mare, a fare gavettoni con gli amici, ma anche passeggiando sotto la neve, perchè no, con mio marito e un passeggino…
A1qi2oO7BJIPer concludere per me TRENTA anni sono ancora giovinezza e consapevolezza si, ma che il tempo passa, e sempre più veloce, percui sarebbe bene imparare il prima possibile a non perderci dietro persone, cose, situazioni, sensazioni che non ci fanno stare bene e assecondando il piccolo principe che è in noi! 
Generazione 3.0 non ti temo… soprattutto perchè ancora vesto nei negozi 0-16! 

Michela V.
itrentenni@gmail.com

itrentenni

itrentenni

Questo spazio è dedicato alle vostre storie.
Riflessioni, propositi, affanni, sogni, ricordi, speranze, cicatrici, obiettivi, preoccupazioni, desideri. Parole sparse, pensieri e riflessioni. Voglia di raccontarsi o semplicemente di sentirsi come a casa.
Scriveteci a itrentenni@gmail.com
itrentenni

Latest posts by itrentenni (see all)