Photo by Liane Metzler on Unsplash

I trenta vs i miei 30

“30 anni:
E cosa fai nella vita? Di che ti occupi? Lavori? La casa? Vivi da sola? Ce l’hai il ragazzo? Convivete o avete progetti? Pensi di sposarti e fare figli?”
Se pensi a cosa rispondere, pensi che a stento riesci a badare a te stessa ma ci provi, con un sorriso di circostanza e un po’ di imbarazzo rispondi “eh, ci sto lavorando su” ma dentro di te ammetti che un lavoro per come lo si intende oggi non c’è, che hai una paura di stare al mondo che la metà basta, che ogni giorno sei ossessionata da quello che gli altri pensano tu debba essere o di cosa dovresti fare.

Photo by Jezael Melgoza on Unsplash

Photo by Jezael Melgoza on Unsplash

Vivi ancora a casa con la mamma pur sognando un’indipendenza che sai che arriverà, ma chissà quando (solo non devi desistere dal pensare sia possibile).
Il ragazzo, dunque sì, il ragazzo ce l’avevo, ma mi ha lasciata, è successo tre settimane fa, mi ha lasciata senza troppe spiegazioni e con i cocci di una relazione complicata tra le mani, una relazione che negli ultimi tempi era stata innaffiata di bugie e di responsabilità ignorate, perché amare costa fatica e certe persone ad un certo punto prendono paura quando vedono l’altro impegnarsi. No, non penso di sposarmi nè di fare figli, la mia famiglia è già abbastanza disastrata da due generazioni, non voglio di certo aggiungere un altro insuccesso.

Photo by Rosie Kerr on Unsplash

Photo by Rosie Kerr on Unsplash

Sia come sia i 30 anni sono uno spartiacque, dapprima ti interessano le feste e avere tanta gente attorno, i regali, poi cresci, non per tutti è così…ma per me quest’anno è stato ed è tutt’ora, un anno di grossi cambiamenti.
Ho imparato a distinguere amicizia da conoscenza, ho imparato ad apprezzare il fatto di aver puntato sugli amici giusti che non si sono tirati indietro quando era il momento.
Ho imparato a tenere a distanza chi non si fa mai sentire nè vedere o finge, quando ti vede che gli interessi qualcosa della tua vita. E io per senso di rispetto verso di me scelgo di mettervi ai margini.

Photo by Louis Lo on Unsplash

Photo by Louis Lo on Unsplash

Per non parlare delle relazioni amorose, un disastro, lasciata dopo 5 anni di storia con una valanga di esperienze condivise insieme, le bugie che mi son state dette per salvare la faccia perché affrontare la realtà era impegnativo.
Io sono una persona forte, solare, che prende tutto come una sfida, che non si fa mai scoraggiare prova e riprova ed è convinta ci sia sempre una soluzione a tutto, ma che deve fare del lavoro enorme su sé stessa.
Ho sempre scansato la solitudine e adesso mi ci ritrovo dentro, non l’ho scelta io, è lei che ha scelto me e devo affrontarla e imparare a gestirla e ad abbracciare i momenti di sconforto.

Photo by Clem Onojeghuo on Unsplash

Photo by Clem Onojeghuo on Unsplash

Sono una fanatica di viaggi, adoro girare a zonzo e vedere posti nuovi, ma ho sempre bisogno di farlo con qualcuno di non essere sola, e questo credo sia un momento perfetto per mettersi alla prova in quello che mi spaventa maggiormente. Del resto il viaggio è una metafora della nostra vita. E per un bel tratto di strada saremo soli coi nostri pensieri e con le nostre scelte e con quello che siamo.
Ecco cosa mi auguro, di essere in compagnia di me stessa, di essere seria e responsabile senza dimenticarmi di vivere.

“Alcune volte vinci, tutte le altre volte impari”

V.
itrentenni@gmail.com

itrentenni

itrentenni

Questo spazio è dedicato alle vostre storie.
Riflessioni, propositi, affanni, sogni, ricordi, speranze, cicatrici, obiettivi, preoccupazioni, desideri. Parole sparse, pensieri e riflessioni. Voglia di raccontarsi o semplicemente di sentirsi come a casa.
Scriveteci a itrentenni@gmail.com
itrentenni

Latest posts by itrentenni (see all)