Photo by Cristian Escobar on Unsplash

La notte prima dei 34

Questo è il primo compleanno da quando ne ho memoria in cui non vedrò il mare.
Tra qualche ora i miei anni si sposteranno come una lancetta, dai 33 ai 34. Sono gli anni, anzi è stato realmente l’anno dei bilanci, una storia d’amore che non era “una storia d’amore” ma era LA storia d’amore, finita dopo 13 anni per quella paura di cui è affetta la nostra generazione “non avere abbastanza” o crescere anzitempo quando il tempo sarebbe quello giusto.

Photo by Kelly Sikkema on Unsplash

Photo by Kelly Sikkema on Unsplash

Poi la ripresa, un monolocale da reinventare, due gatti, e una serie di uomini della mia vita che, in quest’anno, ho lasciato andare via prima che diventassero tossici, e non parlo solo di rapporti “amorosi”.
Eh sì, perché quando ti devi reinventare è tutto difficilissimo, è vero, ma quando superi il gap e ricominci a volerti bene e ti circondi di quelle persone che sanno guardarti nel profondo senza bisogno di troppe parole, è come preparare un bagaglio a mano, impari che il superfluo può essere nocivo e può spaccarti la schiena e che il viaggio deve essere leggero, non vorrai mica pagare la penale?!

Photo by Erol Ahmed on Unsplash

Photo by Erol Ahmed on Unsplash

Anche se questo vuol dire rinunciare all’uomo che pensavo fosse quello giusto, magari quello con cui fare dei figli.
Ho riscoperto nelle piccole cose chi sono e cosa voglio diventare da grande e forse ancora per quest’anno dovrò lavorare su di me, ho solo un’unica domanda, dove sono stata fino ad adesso?!
Ho scoperto che, guardare un tramonto, leggere un libro o ballare musica techno per una notte intera mi rende oggi più viva di una vita che pensavo fosse perfetta e che forse ad oggi, ringrazio per avermi obbligato a reinventarmi.

 

Photo by Douglas Sanchez on Unsplash

Photo by Douglas Sanchez on Unsplash

Ho imparato che davvero trattenere a tutti costi ti rende schiava nell’amicizia come nell’amore, abbiamo la libertà di reinventarci e dire no agli altri e più sì a noi stessi per essere adulti felici anche se con delle vite un po’ scombinate.
E quindi quest’anno la prima da cui voglio ricevere gli auguri di buon compleanno sono io, una pacca sulla spalla Alice e niente paura perché puoi contare su te stessa.
Auguri a me, auguri a noi trentenni e alla nostra nuova vita!

A. 
itrentenni@gmail.com

itrentenni

itrentenni

Questo spazio è dedicato alle vostre storie.
Riflessioni, propositi, affanni, sogni, ricordi, speranze, cicatrici, obiettivi, preoccupazioni, desideri. Parole sparse, pensieri e riflessioni. Voglia di raccontarsi o semplicemente di sentirsi come a casa.
Scriveteci a itrentenni@gmail.com
itrentenni