Photo by Bogdan Dada on Unsplash

La storia di Irene

Mi chiamo Irene e sono nata in un piccolo paese della provincia di Firenze, dove tutti si conoscono e un tempo i bambini si avventuravano per le strade ad inventar passatempi. Un paese di quelli con i prati verdi intorno, dove le strade si attraversano ancora ad occhi chiusi; di quelli che per quanto ti riguarda il mondo potrebbe anche finire lì. Certo, fino a quando non ti regalano il motorino e allora via, si fugge.
Da piccola stavo fuori casa da mattina a sera, un vizio che mi porto dietro anche adesso che mi son fatta grande e che la mia vita si è spostata in città.

Photo by BENCE BOROS on Unsplash

Photo by BENCE BOROS on Unsplash

Anche se, detto tra noi, ho come la sensazione di non averne mica vissuta una sola di vite in questi anni, ma molte di più, tanto che, se i miei conti son corretti, con questa dovremmo essere a sei.
Lo so, ci ho messo un po’ per arrivare fin qui: colpi di capo, di cuore, gioie, cadute… Ma è proprio vero, non tutto il male viene per nuocere (se ve lo dico io che ho trovato lavoro grazie a un mal di denti, credetemi) e così, dopo tanto vagare, adesso sono esattamente dove vorrei essere.
A quelli che han sempre avuto tutto sotto controllo, dico bravi, ma certe cose non fanno per me, che son sempre fuori tempo e nonostante mi sforzi non riesco a mantenere a bada neanche i riccioli che ho in testa.

Photo by Tim Mossholder on Unsplash

Photo by Tim Mossholder on Unsplash

Laureata in Storia Contemporanea, amo tutto ciò che mi porta altrove: la musica rock, le illustrazioni e le storie, soprattutto quando si stringono tra le dita e profumano di carta.
Oltre a leggerne, di storie ne ho anche scritte. A dire il vero non ricordo esattamente quando la scrittura ha fatto il suo ingresso nella mia vita, ma sono certa non abbia dovuto bussare poi molto perché la facessi entrare.
Da allora, ho scritto un po’ di tutto e soprattutto un po’ a tutti: a degli sconosciuti, a un cervello in fuga, una volta ho scritto persino a un tostapane.

Photo by Ella Jardim on Unsplash

Photo by Ella Jardim on Unsplash

Scrivere è per me un modo per stare al mondo; per mantenermi leggera, proprio come quando metto lo zaino in spalla e parto, ma sempre per tornare, eh, ché di qualcosa bisogna pur vivere.
Un anno fa ho unito queste mie passioni dando vita a “In fuga con me stessa”, una raccolta di racconti di viaggio fatti in solitaria, ricca di incontri, disavventure, luoghi meravigliosi.
Se vi dicessi che l’idea del libro c’era sin dall’inizio, quando in una grigia mattina d’autunno ho deciso di lanciarmi in questa avventura zaino in spalla, darei l’ottima impressione di chi nella vita ha sempre tutto sotto controllo.

Photo by Sébastien Marchand on Unsplash

Photo by Sébastien Marchand on Unsplash

Ma ve l’ho già detto, cose simili non fanno per me e poi, si sa, le bugie hanno le gambe corte, allora vi dirò la verità: questo libro è nato per caso, quasi senza che me ne accorgessi, macinando passi e pensieri in città sconosciute, fino a quando un giorno mi son detta, e se questi mie pensieri diventassero parole?
Se ci penso adesso l’idea di esserci riuscita mi riempie di gioia.
Lo so, alla mia età c’è chi vanta ben altro: una casa tutta sua, un ottimo lavoro, un marito, tre figli, un paio di gatti… ma tutto sommato, beh, non me la cavo affatto male neanche io.
Segretaria di giorno, di notte scrivo. A trent’anni ho una doppia vita e a tratti ne azzardo una terza, tra sogni, amici, smarrimenti e amore… finché dura.
Irene Romano

Qui trovate il link di “In fuga con me stessa” il libro di Irene Romano

itrentenni

itrentenni

Questo spazio è dedicato alle vostre storie.
Riflessioni, propositi, affanni, sogni, ricordi, speranze, cicatrici, obiettivi, preoccupazioni, desideri. Parole sparse, pensieri e riflessioni. Voglia di raccontarsi o semplicemente di sentirsi come a casa.
Scriveteci a itrentenni@gmail.com
itrentenni

Latest posts by itrentenni (see all)