Photo by Mikael Kristenson on Unsplash

Le principesse non esistono

Da piccola ho visto e rivisto tantissime le favole della Walt Disney.
Fino a consumarne le cassette.
Siamo cresciute, noi generazione anni ’90, con il mito della “principessa bella e affascianante”, che sta lì ad aspettare nient’altro che arrivi a salvarla il suo principe azzurro, per far sì che “vissero felici e contenti”.
Niente di più falso si è rivelato poi nella mia vita.
Ho 29 anni e qui, in questa parte d’Italia, al sud, tutte sembrano “aspettare” il loro principe azzurro.
La donna deve trovare un uomo, fidanzarsi, sposarsi e fare figli, questo un obiettivo o meglio L’obiettivo da dover raggiungere.

Photo by Isaac Smith on Unsplash

Photo by Isaac Smith on Unsplash

Altrimenti sei una sfigata, sei out, sei sola, sei zitella.
In poche parole, mentre le mie coetanee si sposano e hanno figli, io sono ancora a fare l’A/B/C con le lattine di Coca-cola.
Come mi definisce mia madre, sono “un’anima persa”.
E a volte mi ci sento davvero così: senza un progetto di vita con qualcuno, senza le file della domenica all’Ikea per la nostra casa dei sogni, senza l’idea di una bambino in cantiere. Il tempo passa, ma la mia vita sembra essersi fermata ormai sulla stessa nota di sempre.

Photo by Ehud Neuhaus on Unsplash

Photo by Ehud Neuhaus on Unsplash

Nell’era digitale non potevano mancare le applicazioni e i siti dove trovare l’amore (…o semplicemente una scopata chissà).
Eppure non l’avrei mai immaginata Cenerentola con lo smartphone tra una passata di cera e l’altra.
Lei, che non è mai uscita di casa, la prima e unica volta che va ad una festa, senza un goccio d’alcol in corpo, lo becca, anzi, lui la nota tra tante… questa sì che è fortuna.
Ebbene sì, io l’ho scaricata l’applicazione, ma nulla di che è successo. A parte mille:
“Ciao, come va, piacere di conoscerti, cosa fai nella vita, lavoro in una società di digital marketing”.
… A noi tocca essere sempre impeccabili, imbucarsi alle feste dove le probabilità di incontrare un essere umano di sesso maschile accettabile sia superiore al 50%, l’aperitivo nel bar più di moda, truccarsi (dopo essersi subita 17.850 ore di tutorial di Clico Makeup), soffrire su tacchi altissimi, uscire mezze nude anche d’inverno, non dimenticarsi mai dell’appuntamento dall’estetista (perché, un pelo fuori posto, può rovinare anni di lavoro)… in poche parole: mai abbassare la guardia!

Photo by Marvin Meyer on Unsplash

Photo by Marvin Meyer on Unsplash

Il tempo è tiranno, corre, ti frega e non gli interessa se non gli sei al passo. Lui già ha deciso, ha le idee chiare e va dritto per la sua strada. Il problema è la tua di strada, che a volte si nasconde dietro un sentiero minuscolo che stenti a vedere, nel buio, da sola.
Quindi, se anche tu fossi nella mi stessa situazione, per favore annunciati, accorri, aiutiamoci e soprattutto whattsappiamoci durante le notti insonni.
… Se anche tu ti senti, parafrasando mia madre, un’“anima persa”.

C.
itrentenni@gmail.com

itrentenni

itrentenni

Questo spazio è dedicato alle vostre storie.
Riflessioni, propositi, affanni, sogni, ricordi, speranze, cicatrici, obiettivi, preoccupazioni, desideri. Parole sparse, pensieri e riflessioni. Voglia di raccontarsi o semplicemente di sentirsi come a casa.
Scriveteci a itrentenni@gmail.com
itrentenni

Latest posts by itrentenni (see all)