Mi fanno ridere gli uffici stampa che…

pinky

Sono Nola Rice e ho 31 anni.

Faccio la giornalista per “saicoseilweb.web” e per cercare di affermare il mio nome sono paradossalmente costretta a scrivere anche su una rivista cartacea storica nel panorama editoriale. Dove sta il paradosso? Che la realtà editoriale web per cui lavoro sta crescendo molto, fa numerose visualizzazioni e offre un’altissima qualità, ma non ha un nome “forte” su cui puntare, nel senso che non fa parte di uno di quei gruppi editoriali che esistono da sempre, che anche se stanno fallendo continuano ad avere la meglio. Eppure mi paga uno stipendio alla fine del mese. Mentre la rivista storica da quando ho iniziato a scrivere mi ha fatto compilare fatture con importi netti assolutamente rispettabili e ha saldato le prime due fatture con mesi e mesi e mesi e mesi di ritardo.

In questo post voglio raccontarvi un aspetto divertente di uno dei protagonisti più influenti nello svolgimento della mia attività:
l’ufficio stampa.

Ve lo racconterò elencandovi cosa mi fa ridere.

Mi fanno ridere gli uffici stampa che non avendo ancora capito la potenza del web e non sapendola gestire, preferiscono che dei loro artisti ne parlino 3 giornalisti della stessa testata piuttosto che 10 di “testate web” nuove e differenti.

Mi fanno ridere gli uffici stampa che vietano di fare foto con gli smartphone durante una conferenza stampa perché poi potrebbero essere pubblicate sui social network, che oggi rappresentano il mezzo più immediato, efficace e redditizio di comunicazione.

Mi fanno ridere gli uffici stampa esperti di comunicazione e tronfi di avere una reputazione da rispettare nel settore che veicolano informazioni sui loro artisti per poi chiedere al giornalista di non iniziare proprio “da quell’informazione là”.

Mi fanno ridere gli uffici stampa che vorrebbero essere loro le star che accompagnano e che fanno in modo di essere sempre, ma casualmente, nel video o nella foto con il “loro” talent.

Mi fanno ridere gli uffici stampa che: “Tanto l’importante è che ne parli Tizio, Caio e Sempronio di X, Y, Z”. Tu non conti un cazzo anche se il pezzo di Tizio, Caio o Sempronio domani è nel cestino o negli archivi video di X,Y,Z.

Mi fanno ridere gli uffici stampa che preferiscono dare le interviste ai giornalisti amici pur sapendo che molto probabilmente quell’intervista non la vedranno mai pubblicata. Perché i giornali chiudono e se non chiudono non pagano e quindi il giornalista preferirà tenersela tutta per se piuttosto che svenderla per una cifra misera e umiliante sul famosissimo sito il “Marc’aurelio.it” o più drasticamente su qualche sito di aste online.

Mi fanno ridere gli uffici stampa che: “Se non ho mai sentito parlare di te vuol dire che non vali un cazzo”. Ma se poi qualcuno mi dice che sei bravinao allora mi fido, ma io da solo non ce la faccio proprio a cliccare su quel link. E se mi scoppia il Mac? Che faccio ora che Jobs è passato a miglior vita?

Volevo comunicarvi che tutte queste cose che mi fanno ridere sono le stesse che dopo avermi fatto incazzare mi danno la forza di continuare imperterrita a credere in quello che faccio.
Perché tanto, prima o poi, tutto torna.

Ah, mi fanno anche ridere i colleghi giornalisti che pensano che essere primi, secondi o al massimo  terzi negli schedule significhi essere più bravi.
Quando magari ogni tanto significa solo: “Ok falla tu per prima cosi almeno te ne vai fuori dalle scatole”.
E allora in questo caso l’ufficio stampa mi fa ridere tantissimo.

Stimo invece i colleghi che sorridono sempre, che si prendono e ti prendono in giro e ti aiutano anche se tu sei categoria principiante e loro avanzato.

E tendenzialmente sono sempre quelli che le interviste le vogliono fare per ultimi.

itrentenni@gmail.com

itrentenni

itrentenni

Questo spazio è dedicato alle vostre storie.
Riflessioni, propositi, affanni, sogni, ricordi, speranze, cicatrici, obiettivi, preoccupazioni, desideri. Parole sparse, pensieri e riflessioni. Voglia di raccontarsi o semplicemente di sentirsi come a casa.
Scriveteci a itrentenni@gmail.com
itrentenni

Latest posts by itrentenni (see all)