Photo by Avi Richards on Unsplash

Trentadue: 3 2

In effetti presi separati questi numeri mi piacciono molto, perché invece stridono quando sono così vicini?!
In fondo, gli anni in cui ho avuto un’età pari sono quelli che ho sempre amato di più. Il primo bacio, la mia prima volta, il primo lavoro serio e tanti altri tipi di soddisfazioni e di esperienze le ho vissute durante quegli anni. Gli anni dispari, invece, non mi portano tanta fortuna.
Diciamo che sono quasi sempre da… DIMENTICARE? Va beh, sinceramente non so perché sono andata a infilarmi in questo discorso, che poi ha senso fino a un certo punto.
Dopo i 30 anni si cominciano a fare i bilanci della propria vita, procedura standard. Forse penso a quando da piccola li vedevo come un traguardo di tranquillità, stabilità e pace.

Photo by Jordan Wozniak on Unsplash

Photo by Jordan Wozniak on Unsplash

Mi vedevo come una donna già matura (se non vecchia proprio), con un minimo di 2 o 3 figli: d’altronde mia mamma a 31 anni aveva già 3 figlie e poteva considerarsi tranquilla. Quindi facevo i miei calcoli: per essere più o meno come lei avrei dovuto fidanzarmi verso i 20  anni, cominciare a pensare ai figli 3-4 anni dopo e farne 2 o 3 più o meno a raffica entro i 31… AL MASSIMO!
Peccato che, finita l’università a 23 anni, ero già in super ritardo. Non avevo il fidanzato, cominciai a lavorare quasi subito, a guadagnare qualche soldino e ad alimentare questo BRUTTISSIMO difetto di amare talmente tanto l’indipendenza e i viaggi da voler stare a casa il meno possibile e soprattutto senza limiti di nessun genere.

Photo by Felix Russell-Saw on Unsplash

Photo by Felix Russell-Saw on Unsplash

I miei genitori, mia madre in particolare, hanno sempre incoraggiato questa mia voglia di libertà, di non voler sottostare a rapporti sentimentali limitanti… però, ATTENZIONE, fino ai 30 anni.
Da lì in poi altri tipi di frasi di incoraggiamento hanno preso il via: “Non hai voglia di una storia d’amore, di FIGLI? ANCHE NO.”
Una zia, disperatissima ed ormai rassegnata, mi disse un giorno che il corredo che mi aveva preparato l’avrebbe usato lei perché si stava rovinando e a questi ritmi sarebbe diventato inutilizzabile. Sinceramente non ho mai capito perché non lo potessi usare io visto che vivevo già da sola e comunque le lenzuola matrimoniali le uso da sempre, anche se sono single.
StockSnap_46BMYP2BDJ-e1494846099641Cioè, la storia d’amore la vorrei pure, ma ormai le aspettative si sono alzate. I tipi di relazione che ho vissuto mi hanno fatto capire cosa NON voglio più. Cerco di vivere ogni rapporto sentimentale che mi si presenta davanti come un’occasione di crescita e miglioramento personale.
Anche la persona più diversa da me può insegnarmi qualcosa, anche qualcuno di inaspettato ed inesperto potrebbe sorprendermi… Chissà!

L.
itrentenni@gmail.com

itrentenni

itrentenni

Questo spazio è dedicato alle vostre storie.
Riflessioni, propositi, affanni, sogni, ricordi, speranze, cicatrici, obiettivi, preoccupazioni, desideri. Parole sparse, pensieri e riflessioni. Voglia di raccontarsi o semplicemente di sentirsi come a casa.
Scriveteci a itrentenni@gmail.com
itrentenni

Latest posts by itrentenni (see all)