20 anni da quell’ultima puntata di Non è la Rai. 5 cose che non dimenticheremo mai.

Era il 30 giugno 1995. Sapevamo che prima o poi sarebbe successo. Ma non eravamo comunque pronte.

Quel caldo primo pomeriggio di Giugno io e mia cugina ci preparavamo a quella che sarebbe stata una GIORNATA-TRAGEDIA.

VHS alla mano su cui avevamo già registrato di tutto (Ritorno al futuro, Ghost, I Goonies), videoregistratore accesso, e dito caldo pronto a premere REC.

c5uRejmV34o

Da quel momento in poi non ricordo più niente se non VALLI E VALLI DI LACRIME.

Non è la Rai ci ha lasciato un infinito vuoto nell’anima. Per noi trentenni era l’appuntamento fisso dopo la scuola. Pranzo, e dalle 14 e 15 alle 16.00 tutti incollati davanti alla TV, per poi iniziare i compiti.

non-e-la-rai-2-cd

Ora la prima domanda che sorge spontanea è: COME MAI ERAVAMO LETTERALMENTE PAZZE/I DI NON È LA RAI?

La risposta è:  NON NE HO LA BENCHÈ MINIMA IDEA. 

Resta il fatto che il programma faceva circa 3 milioni di telespettatori e che io e mia sorella eravamo iscritte a tutti i fans club per avere i numeri di telefono di casa ai quali rispondevano sempre i genitori con lo stesso mantra: “No Emanuela non c’è.”  o “mi spiace ha sbagliato numero” (MENTIVANO!)

Quello di Ambra ovviamente era impossibile averlo.

Erano gli anni delle chiamate interurbane, e quei “No Emanuela non c’è” che seguivano il filo MESSINA-ROMA, li pagavamo cari quando arrivavano le bollette. O meglio li pagava cari mio padre, che dopo disperati cazziamenti riuscì a mettere il “blocco” per le chiamate interurbane. THE END.

t974389a

Ma quali sono le 5 cose che non dimenticheremo mai del programma con le nostre IDOLE?

1) LA SIGLA

“Maaaaaaaaaaaaaaaaaa com’è bello qui, ma com’è grande qui ci piace troppoooo MAAAAAAA ….. NON E’ LA RAAAAAAAAAAAAAAAAAIIIII!!”

640x360_C_2_video_399580_videoThumbnail

2) LO ZAINETTO DI AMBRA 

Cosa c’è nello zainetto di Ambra? Penne, no, mattie, no, trucchi, no, quaderni, no, chiavi, no, agende, no, diario, no, profumo, no, portafoglio,no, duemila chiamate interurbane dopo: C’era IL DIZIONARIO DI SANSCRITO! Amen.

ambra_angiolini_ieri

3) IL GIOCO DELLE SECCHIATE

E niente era un gioco infame in cui GU girava una ruota con dentro i nomi delle ragazze (solitamente le meno famose e più sfigate) che, scongiurando davanti alla telecamera di non essere scelte, poi venivano prese a “secchiate”, appunto.

secchiatedef

 

4) LE CANZONI IN PLAYBACK

Per convincermi che non era davvero la loro voce mi ci è voluto del tempo. Quante di voi si sono dimenate davanti allo specchio improvvisando finti microfoni sulle note di “Tua tua, tua, tutta tua ahhhhh ahhhhhh!”? CONFESSATE!

ilariaaaaaaaaa

5) I VESTITI DI PHARD 

“Vesti Phard, qui è il preferito, scegli Phard, gonna o vestito, vesti Phard che non sbagli mai, come noi di NON E’ LA RAI!”

Indimenticabili: le gonne con sotto i pantaloncini, i vestiti fioriti, le minigonne in jersey, i top con il taglio nelle spalle, le salopette. Chi di voi non ha posseduto almeno uno di questi capi?!

288908

Che dire trentenni, mia madre mi dice sempre “sei cresciuta a latte e non è la rai”, ed ha ragione. Perché poi al Centro Palatino a Roma per incontrare LE IDOLE e scattare una foto ricordo con la Kodak, mio padre mi ci ha portata.

In quegli anni ’90 era ritenuto un programma “malizioso” perché era popolato di ragazzine minorenni in abitini striminziti. Eppure alla base di tutto c’era la spensieratezza, tanta musica e puro e semplice intrattenimento.

Su quella VHS mio padre ci avrà registrato sopra almeno 5 Gran Premi, ma adesso per fortuna siamo nel 2015, e la tecnologia, se pur non in HD, ci regala delle emozioni.

Ecco per voi l’ultima puntata di quel 30 giugno 1995. Preparate i fazzoletti!

Stefania de I Trentenni


Non è la Rai – Ultima Puntata – 30/06/1995 di trash_IT

Stefania Rubino
Follow us

Stefania Rubino

Sono Stefania, ho 32 anni, sono siciliana e sono una Digital Manager. Amo stare in mezzo alla gente, ma anche a casa da sola, sono disordinata e incostante, creativa ma responsabile, vado pazza per le caramelle gommose e ho un debole per le persone gentili. Ah dimenticavo... sono una maledettissima bilancia!
Stefania Rubino
Follow us