Photo by Vonecia Carswell on Unsplash

38 anni

Eccomi qui a spegnere 38 candeline e per caso trovo una foto di mia madre che spegne le stesse, con una me diciannovenne e mia sorella di dieci anni a fianco. Di colpo ricordo che per me, lei allora “era vecchia”, e io invece sono qui con un bimbo di 4 anni che mi faccio punture in pancia alla disperata ricerca del secondo.
Dopo 3 mesi: “Signora non c’è più battito”
Inevitabilmente questo compleanno mi fa sentire di essere arrivata tardi di aver aspettato troppo.

Photo by Ben White on Unsplash

Photo by Ben White on Unsplash

Ho aspettato la convivenza, aspettato il lavoro giusto, aspettato, aspettato fino ad arrivare e accorgermi che non avrei dovuto aspettare e fa male questa sensazione.
Essere entrata mio malgrado nel mondo delle donne che perdono uno o più bambini mi ha fatto conoscere un mondo di guerriere che ignoravo e purtroppo siamo davvero tante!

Photo by Hannah Busing on Unsplash

Photo by Hannah Busing on Unsplash

Siamo cazzute perché dobbiamo lottare per avere quella felicità ad ogni “non c’è battito” perdiamo un pezzo anche del nostro cuore… non sono ancora pronta per tirare le somme, ma questo 38 mi pesa, mi spaventa, mi fa sentire in ritardo.
Avere una mamma giovane mi aveva fatto promettere che avrei fatto la stessa cosa, ma ho voluto aspettare tanto, troppo e che tutto fosse come doveva essere…

Anonimo
itrentenni@gmail.com

itrentenni

itrentenni

Questo spazio è dedicato alle vostre storie.
Riflessioni, propositi, affanni, sogni, ricordi, speranze, cicatrici, obiettivi, preoccupazioni, desideri. Parole sparse, pensieri e riflessioni. Voglia di raccontarsi o semplicemente di sentirsi come a casa.
Scriveteci a itrentenni@gmail.com
itrentenni

Latest posts by itrentenni (see all)