Photo by Glen Carrie on Unsplash

Alle Possibilità

Leggo questa frase mille volte: ” Avevo immagino questa fase della vita in modo diverso”.
Ed è vero io a 33 anni mi ero immaginata un altro scenario, sposata con i marmocchi in braccio e in giro per casa, non perché la società lo “impone” o perché le mie coetanee lo hanno, ma perché è quello che ho sempre desiderato da quando, a 16 anni, ho incontrato il mio adorabile fidanzato, ogni volta che ho tenuto in braccio i miei tre nipotini.

Ho passato una vita a lottare contro un destino avverso, tutto quello in cui mi imbattevo dalle cose importanti a quelle meno, l’università, il lavoro che non si trova perché sono “in età fertile”, un viaggio, una casa, tutto era una lotta e una scalata faticosa.

Photo by Lindsay Henwood on Unsplash

Photo by Lindsay Henwood on Unsplash

Due anni fa decidiamo di ristrutturare noi fisicamente casa, anche grazie alle nostre famiglie che hanno finanziato molti materiali, impianti, muri pavimento, tutto il necessario, mai fatto niente di simile prima ma con il sudore e tanta voglia di cambiare qualcosa nella nostra vita ce l’abbiamo quasi fatta, finalmente dopo anni di studio almeno lui è riuscito a trovare un lavoro decente e conviviamo felici, ma vi ricordate del destino?!
Ecco ci siamo imbattuti entrambi sfortunatamente con parenti malati di cancro, io mia madre che ringrazio il cielo è ancora qui, mia suocera e il mio affezionato suocero che quest’ anno invece ci hanno lasciati.

Photo by Billy Huynh on Unsplash

Photo by Billy Huynh on Unsplash

Ora stiamo sulla strada giusta, proviamo a farci la nostra famiglia!
Un pensiero azzardato, perché, a quanto pare, il mio corpo si sta ribellando, tra noduli alla tiroide, al seno (con la paura continua di quello passato da mia madre), ora anche dei polipi all’utero e il papilloma virus, visite dottori, soldi spesi come se li avessimo per accertamenti, mentre vedi e invidi benevolmente le altre, quelle “fortunate” che entrano a farsi l’ecografia del pancione da dove tu sei appena uscita per farti un isteroscopia e ti senti il cuore a pezzi e mille coltellate ogni volta che tieni in braccio tuo nipote.

Photo by Joshua Reddekopp on Unsplash

Photo by Joshua Reddekopp on Unsplash

Lo so di non avere cose gravi, ma non avere mai la possibilità di poter pensare di poter azzardare ad avere quella vita tanto desiderata, che subito beffarda la vita ti fa ricadere a terra dicendoti: “Non ci provare bella!”.
Io mi sono sempre rialzata, a fatica, lasciando qualche pezzo di me per strada, ma ce l’ho sempre fatta, ora vorrei solo avere il mio di momento, quella possibilità di poter pensare che quel qualcosa di bello spetta anche a me, a noi finalmente…

S.
itrentenni@gmail.com

itrentenni

itrentenni

Questo spazio è dedicato alle vostre storie.
Riflessioni, propositi, affanni, sogni, ricordi, speranze, cicatrici, obiettivi, preoccupazioni, desideri. Parole sparse, pensieri e riflessioni. Voglia di raccontarsi o semplicemente di sentirsi come a casa.
Scriveteci a itrentenni@gmail.com
itrentenni